Il blog personale di Castellani Davide

Autore: Castellani Davide

Vedi https://www.castellanidavide.it

Nuova app per il sito principale

Nuova app per il sito principale

Ecco la nuova app realizzata da Castellani Davide.


Applicazione per il sito principale

Con quest’app sarà più agevole e veloce accedere al sito di Castellani Davide.

L’applicazione è, inoltre, molto “leggera”, occupa solo 2,8 MB circa.

Questo per dare un’ottima esperienza per l’utente in quanto non procura problemi, come il limite di spazio.

Al contrario permette di gestire meglio le risorse, sempre crescenti, del sito https://www.castellanidavide.it.

Prova a scaricarla usando il seguente link (sarà necessario avere Amazon Appstore).


Che te ne pare? Fammelo sapere quì sotto nei commenti.

Opinioni sul libro I segreti di Nicholas Flamel l’immortale L’alchimista di Michael Scott

Opinioni sul libro I segreti di Nicholas Flamel l’immortale L’alchimista di Michael Scott

Benvenuti in questa seconda riflessione. Tranquilli il blog non sarà riempito solo da riflessioni su vari libri.

NOTA

Su questo articolo non ci sono parti del libro, ma solo alcune riflessioni dell’autore. Attenzione potrebbero esserci degli spoiler.

La mia riflessione su questo libro si baserà su un’aspetto: la fiducia.

In questa storia i due protagonisti Sophie & Josh Newman si pongono più volte la seguente domanda, come posso sapere di chi fidarmi.

Tra di loro, inizialmente non ci furono particolari problemi, ma non riescono a capire di chi si possono creare.

Negli studi di sociologia si è dimostrata l’esistenza di tre differenti tipi di fiducia:

  1. La fiducia simmetrica: ovvero verso la società in generale
  2. La fiducia personale: ovvero tra due individui
  3. La fiducia dell’autoreferenza: ovvero di sé stessi

Nella storia vengono messi in dubbio tutti e tre uno dopo l’altro.

Fiducia simmetrica

All’inizio della storia i protagonisti comprendono che il mondo che conoscono, e che conosciamo, è solo una piccola parte del modo realmente esistente.

Questa fiducia verrà riaquisita man mano anche se non del tutto, almeno nel primo libro, quando imparano a riconoscere il “vero mondo”.

Fiducia personale

Questo tipo di fiducia viene invece compromesso quando i que fratelli comprendono che non c’è un’unica possibile strada da percorrere.

In questo periodo dubitano di chi hanno conosciuto, cercano di comprendere in chi ci si possa effettivamente fidare.

Questo periodo finisce con la comprensione che effettivamente coloro che hanno accompagnato i due protagonisti sono “degli di fiducia”.

La fiducia dell’autoreferenza

Quest’ultima fiducia viene persa solo per poco tempo nella vicenda.

Quando i protagonisti comprendono che le loro capacità erano molto maggiori di quello che pensavano, essi si chiedono se ciò li ha resi delle persone diverse.

La fiducia dell’autoreferenza viene riacquisita quando comprendono che c’è stato un cambiamento, ma esso ha implicato solo una crescita.


E voi che cosa pensate approposito della fiducia?

Fatelo sapere a me e a tutti gli altri lettori scrivendo nei commenti.

Buon compleanno… a me😁

Buon compleanno… a me😁

Lo sapevi che oggi compie o gli anni?

Ebbene sì oggi, io, Castellani Davide, Webmaster del sito castellanidavide.it e di questo Blog, compio 17 anni.


Grazie per aver letto anche questo articolo, anche se “fuori dall’ordinario”.

Se ti và fammi gli auguri, saranno ben accetti 😊.

Nuovo update sul sito principale

Nuovo update sul sito principale

Ecco arrivato un nuovo aggiornamento del sito principale.


Perché hai dovuto aggiornare il sito?

La risposta è molto semplice.

Prima c’era il problema che se volevo fare più contenuti per uno stesso argomento (es. Presentazione & Video correlati) dovevo creare più blocchi.


Come hai risolto questo problema?

Questo problema l’ho risolto modificando la struttura dei link.

Prima c’era sempre uno ed un solo link con la scritta “scopri di più”, ora c’è la possibilità di creare un qualunque numero di link con un testo specifico.

Per esempio per le presentazioni ci comparirà la scritta “Vedi la presentazione”, per i video “Guarda il video dedicato”, ecc.


Cosa cambia a me utente? / Quali sono i miglioramenti per l’utente?

Come utente questo update può essere molto comodo.

Adesso sarà più semplice la navigazione sul sito, in quanto si riducono, anche se di poco il numero dei blocchi.

Avrai un’accesso centralizzato delle risorse, in quanto i link sono più vicini.

Miglior riconoscimento tra video, presentazione, ecc. in quanto ora c’è una maggior differenziazione tra titolo della risorsa e i formati che può avere.


Demo

Ecco a voi la differenziazione tra la versione precedente e quella attuale.


Nuove idee?

Avete delle idee carine per migliorare il mio sito e/ o il mio blog?

Se è così potete scrivermi:


Grazie per aver letto questo articolo, spero che vi sia piaciuto.

Stagioni Diverse (Steven King)

Riflessioni riguardo al libro Stagioni Diverse di Stephen King

Riflessioni riguardo al libro Stagioni Diverse di Stephen King

Benvenuti in questa riflessione sul libro Stagioni Diverse di Stephen King.

NOTA

Su questo articolo non ci sono parti del libro, ma solo alcune riflessioni dell’autore. Attenzione potrebbero esserci degli spoiler.

In quanto questo libro è diviso in quattro macro-capitoli anche questa riflessione sarà divisa in quattro parti


L’eterna primavera della speranza

L’eterna primavera della speranza

In questo macro-capitolo mi ha meravigliato la tranquillità con cui è stata raccontata la vicenda.

Il narratore e protagonista secondario, Andy, racconta tutta la vicenda in modo molto tranquillo.

All’inizio non sembra molto chiara questa sua tranquillità, in quanto la storia è ambientata in carcere, con stupri,…

Al contrario si penserebbe più corretto un tono molto più duro, più “diffidente”.

Questo atteggiamento, secondo me, è dovuto, oltre al carattere del personaggio, molto meticoloso, anche dal finale del capitolo.

Alla fine del capitolo il narratore vuole cambiare, essere un uomo migliore.

Per fare ciò imita il carattere di un suo caro amico, e protagonista del capitolo. Cerca quindi di essere tranquillo e cauto come il protagonista della storia.

La motivazione della tranquillità di tutto il capitolo è non, solo, dell’ultima parte è che il racconto sarebbe stato scritto poco prima di uscire dal carcere, quindi già con un “comportamento ideale”.


L’estate della corruzione

L’estate della corruzione

In questo secondo macro-capitolo mi sono sorpreso come lo scrittore, Stephen King, sia riuscito ad inserire due differenti personalità nel protagonista. Infatti c’è un progresso di una delle due, fino al quasi sovrastamento dell’altra.

La vicenda parte con un ragazzo molto bravo e che si impegna molto in ciò che fa. Questo ragazzo ha una “passione” i campi di concentramento.

Per “caso” riconosce un ex-nazista, lo ricatta per sapere sempre di più sui campi di concentramento e non solo.

Quì cresce il suo lato “oscuro”, non è più il braccio ragazzo con ottimi risultati, ma è un maniaco a cui interessa solo sapere di più sul periodo di Hitler.

Questa sua ossessione, pian pianino, lo ha condotto ad un allontanamento dalla figura del bravo ragazzo.

Ad un certo punto, fingendosi, in mente sua, un nazista, inizia ad uccidere chi per lui erano un peso inutile per la società: i barboni.

L’abilità dello scrittore, secondo me, è stata nel contenimento, in pubblico, di questo suo carattere. Infatti riuscirà a nasconderlo fino alla morte del nazista che ha conosciuto.


L’autunno dell’incoscenza

L’autunno dell’incoscenza

In questo macro-capitolo ho riposto particolare attenzione alla rivalità/ paura che c’è tra i due fratelli: Vern e Billy.

Questa storia è concentrata su Billy, un delinquente.

Billy fa parte di una compagnia di malfattori. Il quel gruppo si rubava, si compiendo atto a delinquere, ecc.

Ad un certo punto della storia uccidono, addirittura, un uomo.

Il fratello Vern, il quale conosce sia la situazione del fratello che quella della compagnia viene a sentire, per caso dell’omicidio.

Sorprendente, a parer mio, è il fatto che non cerca di far incastrare il gruppo, a lui ostile, ma l’unica cosa che fa è di scappare.


Una storia d’inverno

Una storia d’inverno

Riguardo a quest’ultimo macro-capitolo la mia attenzione è stata rivolta all’entrata del protagonista nel club, aforisma della socializzazione.

Il protagonista di questa storia, David, viene invitato, ed accolto, da un club di anziani.

Il dubbio che gli è sorto è stato il disturbo che avrebbe provocato da un suo ritorno. Infatti teme di non essere ben accolto.

In seguito comprenderà che non era disturbante la sua presenza, al contrario era gradita.

Secondo me da quest’ultimo capitolo si può trarre una morale: non bisogna bloccarsi nel socializzare, al peggio si rischia di fare una brutta figura, al meglio di trovare un gruppo solidale con cui passare il tempo.


Spero che questa mia opinione su questo libro sia stata gradita.

Se per caso avete un’opinione differente, anche se solo parzialmente, potete scriverla nel box dei commenti.

Vi ricordo che potete iscrivervi per venire informati subito all’uscita di un nuovo articolo su questo blog.

Servizi su castellanidavide.it

Buongiorno a tutti,

Oggi vi presenterò i servizi attualmente attivi, e disponibili su questo sito.

Se avete una qualche domanda, o se qualcosa non fosse abbastanza chiaro commentate quì sotto e vi risponderò al più presto

Nuovo blog di Castellani Davide

Nuovo blog di Castellani Davide

Buongiorno👋🏻,

Siete capitati, forse per caso, nel mio blog personale.

In questo blog scriverò di vari argomenti, uno alla settimana (almeno all’inizio) , come per esempio gli aggiornamenti del mio sito principale o dello stesso blog.

Altri argomenti sono di tema vario, a seconda del periodo dell’anno,…

Per avere la lista aggiornata consultate i widget a lato (se in modalità desktop) o in basso

Perché aspettare… vai subito a visualizzare gli altri articoli, il sito principale, il meteo,…

Grazie per aver per aver letto questo articolo da Castellani Davide😉

Se sei interessato iscriviti alla newsletter, Grazie

Pagina 4 di 4

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén